venerdì 24 febbraio 2012

Tutto iniziò così...

14 Settembre 2007 (quando mia figlia Elisa aveva quasi 3 anni)

"Ti piaceva quell'annaffiatoio che abbiamo visto ieri Elisa?  Era verde, fatto di stoffa morbida e se lo aprivi ci trovavi dentro quattro insettini  che se venivano manipolati emettevano suoni buffi...forse è un gioco molto più adatto a bimbi più piccoli di te, è vero...ma questo tenero oggetto-gioco mi ha dato l'ispirazione per  una storia...

La storia in cui una bimba aveva un annaffiatoio come amico e in breve tempo conobbe altri amici nel grande giardino della casa della nonna...."

acquerello su carta di cotone


L'annaffiatoio verde (prima versione):

Un annaffiatoio verde è il centro di questa piccola storia ed è anche l'oggetto a cui Lizzi, una bimba graziosa e paffuttella, è più affezionata.

Dentro l'annaffiatoio la  piccola Lizzi amava raccogliere una miriade di foglioline, petali di fiori e sassolini trovati così un po' per caso nel grande e rigoglioso giardino che circondava la vecchia casa della nonna.

Si svegliava presto alla mattina di quella tarda e luminosa estate e raccoglieva i suoi tesori per poi custodirli dentro l'annaffiatoio.

Un giorno si accorse con sorpresa che tutti i suoi oggettini non erano più dentro l'annaffiatoio ma sparsi tutt'intorno sull'erba e la ghiaia.
Guardando bene Lizzi scoprì di non essere sola: intorno a lei minuscoli insetti si muovevano e lavoravano lentamente.

 In un solo istante si presentarono a lei dicendo: 

 "Ciao,  sono la lumaca Lucia, 
quando striscio lascio la scìa!

Buongiorno sono l'ape Serena, mi riconosci anche di sera 
perchè sono gialla e nera.

Ti saluto sono la farfalla Gentilina, 
le mie ali colorate mi fanno sembrare una mascherina!

Con noi ci sono il bruchetto Scubi, il ragnetto Goffi, 
la fomica Lea e la coccinella Volina."

Fu così che Lizzi cominciò a conoscere alcuni insetti del giardino e scoprì che loro erano entrati spesso nel suo annaffiatoio per assaggiare e cibarsi dei suoi tesori, dei suoi petali e delle sua foglioline profumate.

Comprese ora che quei tesori non erano più solo i suoi ma anche di chi passava di li.

I suoi amici la invitarono a giocare con loro e lei intonò una  canzone che riempì tutta l'aria intorno arrivando ad allietare anche una nuvola adagiata sulla collina che pigramente stava curiosando tra gli alberi...presto si sarebbe trasformata volando via lassù nel cielo.

16 commenti:

  1. Ciao Cristina :-) , è dolcissima e primaverile questa storiella, sono sicura che piacerebbe molto anche ad alla mia Alice!! Un abbraccio e felice domenica!

    RispondiElimina
  2. Ciao Cristina!
    Mi piace la tua favola perchè trasmette il rispetto per ogni creatura vivente!
    A presto :)
    Giada

    RispondiElimina
  3. Grazie Mari, mi fa bene al cuore sapere che può piacere a te e ad Alice, lo so...è ancora un po' da perfezionare ...ma l'idea è questa...spero di riuscire a realizzare anche le illustrazioni.
    Un abraccio anche da me! Felice settimana!

    RispondiElimina
  4. @giada: Ciao Giada, grazie!:-) con questa favola la mia intenzione era proprio quella di far capire che siamo tutti collegati dentro un unico infinito e sacro cosmo vivente...

    RispondiElimina
  5. Cristina! grazie per questo racconto, è bellissimo! la tua bimba è fortunata a averti come mamma e..anche io che ti leggo e...posso essere io l'ape Serena?! amo tanto questi insetti..
    credo che questa fiaba porti il dono della generosità..
    evviva la Natura;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Mad, sono felicissima che tu abbia apprezzato questa favoletta...più avanti ne avevo scritta un'altra versione che posterò la prossima settimana...poi mi dirai quella che preferisci...felice weekend!

      Elimina
    2. aspetto la nuova versione!
      baci

      mad

      Elimina
    3. Hai ragione Mad, la posto nei prossimi giorni! Buona serata!

      Elimina
  6. evviva la natura Ape Serena! ;-)

    RispondiElimina
  7. E' una favola dolcissima....e istruttiva per grandi e piccoli :)) grazie <3 baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Virginia, vorrei anche affiancarvi delle illustrazioni semplici ma complete!

      Elimina
  8. ma quanto è bella questa storia?!ed il disegno è così luminoso e fresco, sei una fatina che dispensa gioia!
    Terry

    RispondiElimina
  9. Grazie Terry, sei gentilissima, mi piacerebbe continuare con questo progetto per poi concluderlo!

    RispondiElimina
  10. Bellissima questa fiaba ,sono curiosa di leggere la seconda versione, è un progetto meraviglioso.
    Ti abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sara, la seconda è differente, forse è più efficace la prima...
      Ti abbraccio anch'io!

      Elimina